CINA - dazio pesante sulle importazioni di calze europee

alzata una barriera per bloccare l'export italiano di calze e collant in Cina

30/09/2005

A seguito di alcune segnalazioni da parte di calzifici italiani, abbiamo verificato che, sulle importazioni di calze europee, le autorità cinesi calcolano il dazio su un valore minimo di 2 euro al paio, indipendentemente dal reale valore commerciale delle calze. Visto che il dazio ammonta al 16% del valore, a cui occorre sommare un ulteriore 3% di Customs Supervision Fee, ne risulta un dazio minimo di circa 39 centesimi di euro per ogni paio di calze, a cui si aggiungono circa 40 centesimi di euro di IVA. In base alle informazioni in nostro possesso, l'imposizione di un valore minimo stabilito per legge è una ritorsione della Cina nei confronti dell'Unione Europea per le azioni da questa annunciate, ma mai attuate, a difesa del tessile europeo; tutto questo, nonostante i sopravvenuti accordi stipulati quest'estate tra Unione Europea e Cina e, soprattutto, nonostante la deroga agli accordi stessi, concessa dall'UE per permettere lo sdoganamento dei prodotti tessili cinesi bloccati nei porti europei per il superamento delle quote concordate.
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner