dal 1-7-2009 codice EORI e seconda fase dell'E.C.S (Export Control System)

10/06/2009

Egregi Signori,
Dal 1° luglio 2009 partirà la seconda fase dell’E.C.S. (Export Control System) e la quarta fase dell’N.C.T.S. (New Computerized Transit System), relative all'eliminazione dei supporti cartacei nelle operazioni doganali.
La prima fase, avviata nel luglio 2007, aveva visto l'introduzione della bolletta doganale elettronica (DAE), del codice MRN e del visto uscire elettronico, procedure che, tuttavia, non riguardavano le operazioni semplificate e quelle di transito.
A partite dal 1° luglio 2009 la presentazione elettronica delle dichiarazioni di esportazione e di esportazione diverrà obbligatoria anche per le operazioni di transito, sia in procedura ordinaria che di domiciliazione.
Inoltre, sempre a partire dal 1 luglio di quest'anno, diventerà operativa una banca dati europea, denominata EORI, contenente i riferimenti di tutti i soggetti che effettuano operazioni doganali negli ultimi due anni.
A questo proposito, ogni Stato membro assegnerà un codice EORI ai soggetti stabiliti nel proprio territorio.
In Italia, si è deciso di semplificare le cose, evitando di inventare un nuovo codice ed attribuendo automaticamente a tutti gli operatori un codice EORI formato dalla partita IVA (o codice fiscale per coloro non in possesso di P.IVA), preceduto dalle lettere IT.
Pertanto, dal 1 luglio 2009, ogni azienda, senza che debba essere presentata alcuna domanda, si vedrà assegnato un codice EORI, formato da IT + partita IVA

A disposizione per eventuali approfondimenti, si coglie l'occasione per porgere i migliori saluti.

A. Dotti
(direttore)

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner