IRAQ - RIMOZIONE DELL'EMBARGO GENERALE E MANTENIMENTO DI SPECIFICHE RESTRIZIONI

REGOLAMENTO U.E. N. 1210 DEL 7/7/2003

17/07/2003

La nostra associazione, Federexport, ci comunica che sono state pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale comunitaria (Guce L 169 dell'8/7/2003) il Regolamento n. 1210 e la Posizione Comune 495/03, entrambe del 7/7/2003, concernenti:

*la limitazione delle restrizioni alle relazioni economiche e finanziarie con l'Iraq, in conseguenza della fine delle ostilità;
*l'abrogazione del regolamento 2465/1996. La nuova regolamentazione prevede che:

*restino oggetto di divieto la vendita e la fornitura all'Iraq di armi e materiale connesso e degli altri materiali indicati dalle forze occupanti (Stati Uniti, Regno Unito) per gli scopi previsti dalla risoluzione 1483 (2003) del Consiglio di sicurezza e dalle altre pertinenti risoluzioni;

*a decorrere dal 22 maggio 2003, siano depositati nel Fondo di sviluppo per l'Iraq (detenuto presso la Banca centrale irachena) i proventi di tutte le esportazioni di petrolio, prodotti petroliferi e gas naturale originari dell'Iraq, (allegato I al Regolamento), alle condizioni previste nella risoluzione 1483 (2003) del Consiglio di sicurezza delle Nazioni e fino alla costituzione di un governo rappresentativo dell'Iraq che sia riconosciuto a livello internazionale;

*siano congelati, a partire dal 22 maggio 2003, tutti i fondi e tutte le risorse economiche situate fuori dell'Iraq ed appartenenti all'ex governo dell'Iraq o ad uno degli enti pubblici, entità giuridiche, comprese società di diritto privato con partecipazione maggioritaria delle autorità pubbliche e agenzie statali di tale Repubblica.
Non è stato peraltro disposto il congelamento di un trasferimento di fondi ad un beneficiario nella Comunità da parte o per il tramite di una banca irachena rispondente alle predette condizioni, ove detto trasferimento costituisca un pagamento di beni e servizi ordinati da clienti di tale banca;
Il Regolamento, inoltre, non limita la validità e l'uso delle garanzie e delle lettere di credito emesse da banche irachene su richiesta di loro clienti, ai fini del pagamento di beni o servizi che i clienti in questione abbiano ordinato nella Comunità. I fondi ed i proventi di risorse economiche congelate, possono essere resi disponibili esclusivamente al fine del loro trasferimento al Fondo di sviluppo per l'Iraq ed alle condizioni stabilite nella risoluzione 1483/2003 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Allegato 1: Regolamenti (www.export.mn.it/ita/Download/2003_07_07_1210_regolamento.pdf)
Allegato 2 : Posizione comune (www.export.mn.it/ita/Download/2003_07_08_posizione comune.pdf)

Restando a disposizione per eventuali chiarimenti, si porgono cordiali saluti.
A. Dotti
(direttore)
ultime news

16/01/2019APPUNTI DI COMMERCIO ESTERO V. 2.0

A distanza di tre anni dalla prima edizione della Guida pratica per le operazioni con l’estero, denominata “Appunti di Commercio Estero”, Mantova Export ha pubblicato la versione aggiornata
visualizza tutti
Condividi facebook share twitter share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner