Misure restrittive verso l'Iran

nuovo regolamento (UE) n. 961/2010, del 25 ottobre 2010

04/11/2010

Egregi Signori,

il 27 ottobre scorso, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee L 281/1 il regolamento (UE) n. 961/2010 DEL CONSIGLIO del 25 ottobre 2010, concernente le misure restrittive nei confronti dell'Iran e che abroga il regolamento (CE) n. 423/2007.

Il nuovo provvedimento individua un articolato regime di autorizzazione e controllo delle transazioni finanziarie con soggetti iraniani, chiarendo che si intendono per “soggetti iraniani”:

i) lo Stato iraniano o qualsiasi autorità pubblica dell'Iran;

ii) qualsiasi persona fisica che si trovi o risieda in Iran;

iii) qualsiasi persona giuridica, entità o organismo avente la sede sociale in Iran;

iv) qualsiasi persona giuridica, entità o organismo controllata/o, direttamente o indirettamente, da una o più delle persone o degli organismi suddetti.

Sono stati introdotti alcuni obblighi:

a) un obbligo di notifica, antecedente all’esecuzione della transazione, per tutti i trasferimenti di fondi superiori ad euro 10.000, relativi ad operazioni commerciali per foodstuff (prodotti alimentari), healthcare e medical equipment (attrezzature mediche e sanitarie), o per scopi umanitari. In via indicativa rientrano in tali categorie i beni indicati nelle seguenti sezioni della Tariffa Doganale - TARIC:

a.1 alimentari: sezioni da I a IV escluso capitolo 24;

a.2 attrezzature mediche e sanitarie: sezione VI cap. 30; sezione XVIII cap. 90; sezione XX cap. 24;

b) un obbligo di notifica antecedente all’esecuzione della transazione per tutti i trasferimenti di fondi di importo compreso tra euro 10.000 ed euro 40.000, relativi ad operazioni commerciali diverse rispetto a quelle individuate al punto a);

c) un regime di autorizzazione preventiva per tutti i trasferimenti di fondi di importo superiore ad euro 40.000. Non deve essere richiesta alcuna specifica autorizzazione per transazioni già autorizzate ai sensi dell’articolo 13 da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, oppure ai sensi degli articoli 17, 18, 19 e 20 da parte del Comitato di sicurezza finanziaria.

Le notifiche e le richieste di autorizzazione devono essere inviate al Comitato di sicurezza finanziaria (CSF), istituito presso il Dipartimento del tesoro del Ministero dell’economia e delle finanze, esclusivamente a cura dell’intermediario finanziario che conduce la transazione, vale a dire dalle banche.

L’istanza si intende accolta se entro quattro settimane dal suo invio il CSF non ha espresso avviso negativo, ovvero non ha richiesto ulteriori elementi di informazione o chiarimenti per il tramite della sua Segreteria tecnica.

Ricordiamo che restano vietate le esportazioni in Iran delle seguenti tipologie di beni:

- beni e tecnologie utilizzate nel settore militare e dell'energia nucleare
- beni e tecnologie a duplice uso
- beni e tecnologie destinate all'industria del petrolio e del gas

Inoltre, sono vietate le forniture generiche rivolte ad aziende iraniane, o di proprietà iraniana, attive nel settore del petrolio o del gas naturale

Un cordiale saluto

A. Dotti
(direttore)

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner