TUNISIA

nuovi documenti richiesti all'importazione

04/11/2022

La Tunisia ha deciso di adottare un sistema preliminare di controllo all'importazione allo scopo dichiarato di tutelare i consumatori.

Secondo quanto abbiamo appreso, a partire dallo scorso 17 ottobre gli importatori tunisini devono richiedere un'autorizzazione alle proprie autorità, presentando una serie di documenti:

- una fattura emessa dall'azienda esportatrice
- un certificato rilasciato da una parte ufficiale del paese esportatore relativo allo stato giuridico della fabbrica e alla sua autorizzazione all'esercizio (in Italia, corrisponde alla visura camerale della CCIAA)
- una prova comprovante l'adozione di un sistema di controllo della qualità da parte del produttore
- una dichiarazione delle categorie di prodotti da importare (la dovrebbe preparare l'importatore)
- il marchio del prodotto e il marchio prodotto su licenza del titolare
- l'accordo sui prodotti da importare
- un certificato di libera vendita rilasciato da un'autorità governativa del paese esportatore (in Italia corrisponde al certificato di libera vendita / "free sales certificate" rilasciato dalla CCIAA)
- documenti e rapporti comprovanti la qualità dei prodotti importati secondo gli standard applicabili


Date le difficoltà ad ottenere maggiori informazioni oltre quelle sopra riportate, si consiglia alle imprese un confronto coi propri clienti tunisini.

 

ultime news

15/09/2023KENYA Country Presentation | 29 Settembre



Country Presentation Online dedicata al Kenya, che si svolgerà in formato virtuale il 29 Settembre 2023 su piattaforma Zoom

14/09/2023La dichiarazione CBAM (emissioni di carbonio) per talune merci importate

dal 1° ottobre 2023, le imprese europee che importeranno taluni prodotti nei settori del cemento, alluminio, ferro e acciaio, fertilizzanti, elettricità ed idrogeno dovranno richiedere ai propri fornitori tutta una serie di informazioni, relative alle emissioni di carbonio collegate alla produzione dei beni importati, necessarie per predisporre la "dichiarazione CBAM".

13/09/2023Sanzioni UE alla Russia - il punto della situazione

webinar gratuito 25 settembre 2023 - ore 9.30
visualizza tutti
Condividi facebook share twitter share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner